New York, NY
Chicago, IL
Denver, CO
Los Angeles, CA
Anchorage, AK
Honolulu, HI


  • Presentazione
  • Iscrizione alla Fondazione
  • Partecipano alle nostre iniziative
  • Memorial 11 Settembre
  • Iscriviti alla newsletter
  • 5 per 1000


Gli Stati Uniti d'America - Geografia

Capitale
Washington DC

Popolazione
293.655.404 abitanti (2004)

Superficie in Kmq
9.629.091

Coordinate geografiche
Confina a nord con il Canada, a sud con il Messico, a est con l'Oceano Atlantico, a ovest con l'Oceano Pacifico. Fanno parte degli USA due stati non contigui: Alaska e Hawaii.

Religioni
Soprattutto cattolica e protestante, ma presenti anche altri culti (musulmana, buddista, ecc.)

Lingue utilizzate
Inglese (in alcuni Stati, Florida e California del Sud, è molto comune lo spagnolo)

Moneta
Dollaro USA

L'antropologo francese Claude Lévi-Strauss ha definito “mental click” quello che avvertì quando arrivò negli Stati Uniti: la percezione degli sconfinati paesaggi e delle cosiddette skylines. I 48 Stati (escludendo l'Alaska e le Hawaii) si estendono per 4.500 chilometri e quattro fusi orari. Per un viaggio in automobile da costa a costa occorre di solito un minimo di cinque giorni, senza includere le tappe per guardarsi intorno. Non è insolito che la differenza fra le temperature massime rilevate negli Stati Uniti, in un giorno a caso, giunga a circa 40 gradi centigradi.
Gli Stati Uniti devono molto del carattere nazionale - e la relativa ricchezza - alla fortuna di disporre di così vasti territori da abitare e da coltivare. Tuttavia il Paese ancora mostra i segni dell'identità regionale e per gli americani la visione del loro Paese è quella di pensare a loro stessi collegati geograficamente da alcuni tratti comuni, come ad esempio la fiducia in se stessi tipica del New England, l’ospitalità del sud, le floride regioni centro-occidentali, la ricchezza dell’ovest.
La geografia, la storia e le abitudini americane possono essere viste tramite le chiavi di lettura di sei regioni principali:

  1. Il New England, composto dal Maine, dal New Hampshire, dal Vermont, dal Massachusetts, dal Connecticut e dal Rhode Island.
  2. L'Atlantico Centrale, che contiene New York, il New Jersey, la Pennsylvania, il Delaware e il Maryland.
  3. Il sud, che va dalla Virginia alla Florida e verso ovest fino al Texas centrale. Questa regione include la Virginia occidentale, il Kentucky, il Tennessee, la Carolina del Nord, la Carolina del Sud, la Georgia, l'Alabama, il Mississippi, l'Arkansas, la Louisiana e parti del Missouri e dell’Oklahoma.
  4. Il Midwest, una vasta area di Stati dall'Ohio al Nebraska e che include il Michigan, l’Indiana, il Wisconsin, l'Illinois, il Minnesota, l’Iowa, parte del Missouri, il Nord Dakota, il Sud Dakota, il Kansas e il Colorado orientale.
  5. Il sud-ovest, composto dal Texas occidentale, parti di Oklahoma, il New Mexico, l'Arizona, il Nevada e la parte interna del sud della California.
  6. L'ovest, il “West”, con il Colorado, il Wyoming, il Montana, l'Utah, la California, il Nevada, l'Idaho, l'Oregon, Washington, l'Alaska e le Hawaii.
    Si noti che queste non sono regioni stabilite ufficialmente e geograficamente, ogni altro criterio di lettura può essere valido. Questi raggruppamenti sono offerti semplicemente come spunto per una più facile visione e comprensione degli Stati Uniti e della loro realtà geografica.
VARIETÀ REGIONALE
Che senso ha parlare di regioni americane quando praticamente tutti gli americani possono guardare gli stessi programmi televisivi ed andare a mangiare negli stessi fast-food? Una risposta a questa domanda può essere quella di fornire gli esempi delle principali differenze regionali.
Consideriamo quello che mangiano gli americani. La maggior parte cibo è uguale dovunque si vada. Una persona può comprare le confezioni di piselli surgelati con la stessa etichetta nell'Idaho, nel Missouri e in Virginia. I cereali, le caramelle e molti altri articoli vengono venduti in pacchetti identici dall'Alaska alla Florida. Generalmente, anche la qualità della frutta e delle verdure non varia molto da uno Stato all’altro. D'altra parte, sarebbe insolito trovare gli “hush puppies” (un genere di fritto) o i “grits” (un cereale macinato e bollito preparato in una varietà di modi) in Massachusetts o nell'Illinois, ma è normale trovarli in Georgia. Altre regioni hanno cibi simili che sono difficili da trovare altrove.
Mentre l'inglese americano è generalmente standard, il discorso americano differisce da spesso secondo la parte del Paese. Nel sud si tende a parlare lentamente, tanto che si dice “Southern drawl”. I centro-occidentali usano una “a” distesa (come in “bad” o “cat”) e il dialetto di New York City caratterizza un certo numero di parole yiddish (“schlepp”, “nosh”, “nebbish”) portate dalla numerosa popolazione ebraica della città.
Le differenze regionali si fanno inoltre avvertire in forme meno definite, quali gli atteggiamenti. Un esempio è l'attenzione prestata agli eventi stranieri sui giornali. Nell'est, dove la gente guarda attraverso l'Oceano Atlantico, i giornali tendono a preoccuparsi per che cosa sta accadendo in Europa, in Medio Oriente, in Africa ed in Asia occidentale. Sulla costa ovest, i redattori prestano più attenzione agli eventi in Asia orientale ed in Australia.
Per capire meglio le differenze regionali più completamente, diamo un'occhiata più approfondita.

IL NEW ENGLAND
La più piccola regione, il New England non è stato favorito con le grandi distese di terra coltivabile o con un clima temperato. Tuttavia ha giocato un ruolo dominante nello sviluppo americano. Dal diciassettesimo secolo fino a gran parte del diciannovesimo, il New England era il centro culturale ed economico del Paese.
I primi insediamenti europei nel New England Nuova erano protestanti inglesi, che seguivano la dottrina ufficiale. Molti di loro sono emigrati alla ricerca della libertà religiosa. Hanno fornito alla regione una particolare impostazione politica: i luoghi di riunione cittadina (una conseguenza degli incontri che si tenevano nella chiesa) in cui i cittadini si incontravano per discutere i temi del giorno. Soltanto i capitalisti potevano votare. Ciò nonostante, gli incontri cittadini hanno permesse agli abitanti un alto livello di partecipazione al governo della cosa pubblica. Tali consuetudini ancora esistono, oggi, in molte comunità del New England.
I cittadini del New England hanno trovato difficoltà nel coltivare la terra in grandi lotti, come era consuetudine nel sud. Nel 1750, molti insediamenti si erano rivolti altrove. Le principali attività della regione si sono trasformate nella costruzione navale, nella pesca e nel commercio. Nei loro rapporti d'affari, gli abitanti di questa regione hanno guadagnato la fama di saper affrontare il lavoro duro, con astuzia, spirito di risparmio e ingegnosità.
Queste caratteristiche sono state messe in pratica con la rivoluzione industriale, che ha interessato l’America nella prima metà del diciannovesimo secolo. Nel Massachusetts, in Connecticut e nel Rhode Island, sono nate nuove fabbriche per produrre merci come vestiti, fucili e orologi. La maggior parte dei soldi necessari ad attivare questi commerci sono venuti da Boston, che era il cuore finanziario della nazione.
Il New England ha avuto una intensa vita culturale. Il critico Van Wyck Brooks ha definito la nascita di una letteratura americana, nella prima metà del diciannovesimo secolo, come “la fioritura del New England”. La formazione è un’altra delle eredità più forti lasciate dalla regione. La serie di università e college ad alto livello - compresi Harvard, Yale, Brown, Dartmouth, Wellesley, Smith, il Mt. Holyoke, Williams, Amherst e Wesleyan - è senza pari in qualunque altra regione americana.
Così come alcuni degli insediamenti del New England sono migrati verso ovest, gli immigranti dal Canada, dall'Irlanda, dall'Italia e dall'Europa Orientale sono approdati nella regione. Malgrado una popolazione così mutevole, gran parte dello spirito originale del New England è rimasto. Può essere visto nelle semplici case in legno e nei campanili bianchi delle chiese, che sono caratteristici di molte piccole città, come pure nei tradizionali fari che punteggiano il litorale atlantico.
Nel ventesimo secolo, la maggior parte delle industrie tradizionali del New England si sono orientate verso Paesi stranieri in cui le merci possono essere prodotte più economicamente. In alcune città della fabbrica, in operai specializzati sono rimasti senza lavoro. Il problema è stato risolto parzialmente dalla microelettronica e dalle industrie di computer.

ATLANTICO CENTRALE
Se il New England ha fornito i cervelli ed i dollari per l’espansione americana del diciannovesimo secolo, l'Atlantico centrale ha fornito i muscoli. Gli Stati più grandi della regione, New York e la Pennsylvania, si sono trasformati in centri dell’industria pesante (ferro, vetro ed acciaio).
La regione atlantica centrale ha visto l’insediamento di una vasta gamma di popolazioni, rispetto il New England. Gli immigranti olandesi si sono collocati nell’area meridionale della Hudson River Valley, in quello che è ora lo Stato di New York. Gli svedesi sono andati nel Delaware. I cattolici inglesi hanno fondato il Maryland e un parte dei protestanti inglesi, gli “amici” (Quakers), la Pennsylvania. Al tempo, tutti questi insediamenti erano sotto controllo inglese, ma la regione ha continuato per essere una attrazione per i popoli di molte nazionalità.
I primi abitanti erano principalmente coltivatori e commercianti e la regione ha funzionato da ponte fra il nord e il sud. Philadelfia, in Pennsylvania, a metà strada fra le colonie del nord e del sud, era la sede del Congresso americano, la convenzione dei delegati dalle colonie che hanno organizzato la rivoluzione americana. La stessa città fu il luogo dove nacque la dichiarazione di indipendenza nel 1776, e la Costituzione degli Stati Uniti nel 1787.
Mentre l'industria pesante si è diffusa in tutta la regione, i fiumi quali l’Hudson e il Delaware sono stati trasformati in importanti linee di trasporto. Sorsero molte città proprio sui canali navigabili, New York sull’Hudson, Philadelfia sul Delaware, Baltimora sulla baia di Chesapeake. New York è ancora la più grande città della nazione americana, il suo cuore finanziario e il suo centro culturale.
Come il New England, la regione atlantica centrale ha visto molta dell’industria pesante spostarsi altrove. Altre industrie, quali la farmaceutica e le comunicazioni, hanno preso il suo posto.

IL SUD
Il sud è forse la regione americana più caratteristica e più colorata. La guerra civile americana (1861-65) ha devastato socialmente ed economicamente il sud, tuttavia ha lasciato una identità inequivocabile.
Come il New England, il sud è stato abitato inizialmente dai protestanti inglesi. Ma mentre gli abitanti del New England erano intenti a sottolineare le differenze dal vecchio paese, gli abitanti del sud hanno preferito emulare gli inglesi. Dal sud provenivano inoltre molti leaders della rivoluzione americana e quattro dei primi cinque presidenti americani erano della Virginia. Dopo il 1800, tuttavia, gli interessi del settore manifatturiero del nord hanno cominciato a divergere con quelli del sud agrario.
Particolarmente nelle zone costiere, gli abitanti del sud si sono arricchiti vendendo il cotone e il tabacco. Il modo più economico per ottenere questi raccolti era disporre di grandi poderi, denominati piantagioni, che hanno richiesto il lavoro di molti lavoratori. Per assicurare questa manodopera, i proprietari della piantagione hanno contato sugli schiavi portati dall'Africa e sullo schiavismo.
Il sud ha potuto contribuire fortemente alla letteratura del ventesimo secolo, tra gli altri con William Faulkner, Thomas Wolfe, Robert Penn Warren, Katherine Anne Porter, Tennessee Williams, Eudora Welty e Flannery O'Connor.
Mentre i cittadini del sud, bianchi e neri, hanno rimosso lo schiavismo e i segni della divisione razziale, un nuovo orgoglio regionale si è espresso sotto la bandiera del “New South” in eventi come il festival musicale annuale di Spoleto, a Charleston, Sud Carolina, e i giochi olimpici di Atlanta, in Georgia, nel 1996. Oggi il sud si è evoluto in una regione di manifatture e di costruzioni di grandi edifici, che determinano le skylines di città come Atlanta e Little Rock, Arkansas. Per il suo clima temperato, il sud si è trasformato in una vera e propria mecca per i pensionati che giungono da altre regioni degli Stati Uniti e del Canada.

IL MIDWEST
Il Midwest è un incrocio culturale. I primi abitanti delle aree orientali all’inizio del 1800 si sono mossi qui alla ricerca di terreno coltivabile, come pure gli europei, che hanno escluso la costa orientale per spostarsi direttamente all'interno: i tedeschi nel Missouri orientale, gli svedesi e i norvegesi nel Wisconsin e nel Minnesota. Il terreno fertile della regione ha permesso ai coltivatori raccolti abbondanti di cereali quali frumento, avena e mais, tanto che la regione è divenuta conosciuta come il “breadbasket” della nazione, il cestino del pane.
La maggior parte del Midwest è in pianura. Il fiume Mississippi ha svolto un ruolo vitale per gli abitanti, trasportandoli verso le nuove case e provvedendo a garantire i rifornimenti di cibo. Il fiume ha ispirato due classici libri americani, entrambi scritti da un nativo del Missouri, Samuel Clemens, che ha scelto lo pseudonimo di Mark Twain: “Life on the Mississippi” e “Adventures of Huckleberry Finn”.
Gli abitanti del Midwest sono noti per essere aperti, amichevoli e diretti. Il loro approccio tende alla prudenza, ma la prudenza a volte include anche la protesta. Il Midwest ha dato alla luce uno dei due partiti politici americani, il partito repubblicano, che è stato costituito negli anni del 1850 per opporsi alla diffusione dello schiavismo nei nuovi Stati. Alla fine del secolo, la regione inoltre ha visto nascere il movimento progressista, che in primo luogo ha sensibilizzato coltivatori e commercianti per un governo meno corrotto e più rispondente alla volontà del popolo. Forse a causa della loro posizione geografica, molti abitanti del Midwest sono stati aderenti del fronte isolazionista, una dottrina secondo cui gli americani non dovrebbero interessarsi delle guerre straniere e dei problemi di altri popoli.
Il cuore della regione è Chicago, Illinois, la terza più grande città americana. L’area dei Grandi Laghi è un punto di collegamento tra snodi ferroviari e traffico aereo verso le zone più lontane della nazione americana e del mondo. Al centro della città si trova la Sears Tower, 447 metri, la costruzione più alta del mondo.

IL SUD-OVEST
Il sud-ovest differisce dal Midwest nel clima (più secco), nella popolazione (con minore densità demografica) e nell'origine etnica (forti componenti ispano-americane e di nativi americani). Al di fuori delle città, la regione è una terra di spazi aperti, molti dei quali deserti. Il magnifico Grand Canyon è situato proprio in questa regione, come la Monument Valley, scenario dove sono stati girati molti film. La Monument Valley è all'interno della riserva Navajo, sede della tribù indiana più popolosa. A sud e ad est vi sono altre dozzine di riserve indiane, comprese quelle delle tribù Hopi, Zuni e Apache.
Le parti del sud-ovest una volta appartenevano al Messico. Gli Stati Uniti hanno ottenuto questo territorio in seguito alla guerra del 1846-48. L’eredità messicana continua a far sentire un'influenza forte sulla regione, che rimane un posto privilegiato per gli immigranti (legali e illegali) dal più estremo sud. La popolazione regionale sta sviluppandosi velocemente, con l'Arizona in particolare che rivaleggia con gli altri Stati del sud quale destinazione dei pensionati americani che sono alla ricerca di un clima caldo.
Lo sviluppo della popolazione nel sud-ovest, caldo ed arido, è dipeso da due manufatti umani: le dighe e i condizionatori d'aria. Le dighe sul Colorado e su altri fiumi, e gli acquedotti come quelli dell'Arizona, hanno portato l'acqua a cittadine quali Las Vegas (Nevada), Phoenix (Arizona) ed Albuquerque (New Mexico) permettendo loro di trasformarsi in metropoli. Las Vegas è nota come uno dei centri del mondo per il gioco, mentre Santa Fe, New Mexico, è famosa come centro per le arti, particolarmente pittura e scultura. Un ulteriore sistema di dighe e irrigazione porta le acque anche verso la valle centrale della California, che è rinomata per la produzione di grandi raccolti di frutta e verdure.

L'OVEST
Gli americani hanno lungamente considerato l'ovest, il “West”, come l'ultima frontiera. Anche se la California ha una storia di insediamenti europei più vecchia di quella di molti Stati del Midwest. I sacerdoti spagnoli hanno fondato le loro missioni lungo il litorale della California alcuni anni prima dello scoppio della rivoluzione americana. Nel diciannovesimo secolo, la California e l'Oregon sono entrati nell'Unione prima di molti Stati all'est.
L'ovest è la regione della bellezza su grande scala. Tutti i suoi 11 Stati sono in parte montagnosi e la varietà del territorio evidenzia grandi contrasti e differenze. Ad ovest delle vette montuose, i venti dall'Oceano Pacifico trasportano sufficienti precipitazioni per mantenere la terra ben irrigata. All'est, invece, la terra è molto asciutta. Le aree occidentali dello Stato di Washington, per esempio, ricevono venti volte la quantità di pioggia che cade sul lato orientale dello stesso Stato.
In gran parte dell'ovest la popolazione è rarefatta ed il governo federale possiede e controlla milioni di ettari di territorio selvaggio. Gli americani usano queste zone per le attività di svago, come la pesca, il campeggio, l’escursionismo, il canottaggio, il pascolo, e così via. Negli ultimi anni alcuni residenti locali che vivono su territori federali sono entrati in conflitto con i responsabili governativi, i quali sono tenuti a mantenere l'utilizzazione del territorio entro limiti ambientali accettabili.
L'Alaska, lo Stato più a nord dell'unione, è una terra molto ampia con pochi ma tenaci abitanti, grandi distese selvagge, protette sotto forma di parchi nazionali e riserve per la fauna selvatica. Le Hawaii sono l’unico Stato nell'Unione in cui gli asiatici oltrepassano come numero le etnie europee. Dagli anni 80 tantissimi asiatici si sono stabiliti anche in California, principalmente intorno a Los Angeles.
Los Angeles - e la California del sud nell'insieme - evidenzia subito, a prima vista, la numerosa popolazione messico-americana. La seconda più grande città americana, Los Angeles, è più nota in realtà come la sede dell'industria dei film di Hollywood. Grazie allo sviluppo di Los Angeles e dalla zona della “Silicon Valley” vicino a San Josè, la California si è trasformata nello Stato americano più popoloso.
Le città americane occidentali sono conosciute per la loro tolleranza. Forse perché tanti cittadini occidentali si sono mossi là da altre regioni con l’obiettivo di una nuova vita, in generale i rapporti tra persone sono contrassegnati dell’atteggiamento del “vivi e lascia vivere”. L'economia occidentale è molto varia. La California, per esempio, è sia uno Stato agricolo che un luogo di industria ad alta tecnologia.